Ezio Bosso: la musica in movimento

Ancora una volta il Maestro Ezio Bosso è riuscito a coinvolgere tutti con la sua travolgente genuinità, i suoi sorrisi sinceri e la voglia di comunicare. Successo indiscusso la sera del 13 settembre scorso per il concerto gratuito del Maestro Bosso che, presso il Teatro Umberto Giordano di Foggia, ha diretto i solisti della Europe Philarmonic Orchestra e i giovani dell’Orchestra Filarmonica di Benevento.

70813589_10206216820776402_2509155718645415936_n
Un momento del concerto del 13 settembre

I voucher invito sono andati sold out in poco più di un’ora, tantissimi in coda dinanzi al botteghino del teatro foggiano nella speranza di poter assistere all’esibizione del talentuoso artista che negli ultimi anni sta dimostrando ad un pubblico sempre più vasto quanto possa valere vivere con passione il proprio lavoro. Bosso lo fa senza sottrarsi. Mai. Lo dimostra anche il pienone avutosi per le tre mattinate di prove aperte al pubblico. Ezio Bosso si presenta prepotentemente senza reticenze, con tutte le sue fragilità, si mostra per quello che è senza timori: “Foggia è stata una scoperta, mi sono sentito adottato in questi giorni; abbiamo ricevuto tanto affetto, ci siamo sentiti a casa e parte della comunità. Ciò che voglio, con i musicisti dell’orchestra, è far comprendere quanto potente sia la musica, quanto importante sia comunicare la propria passione e la voglia di vivere”. L’obiettivo prefissato è stato raggiunto senza riserve nelle 2 ore di concerto in cui gli spettatori del Giordano hanno potuto deliziare e soddisfare il proprio udito con le note di Mendelssohn, Schubert e Beethoven, definito ‘padre’ dal Maestro Bosso. Ogni suono meticolosamente accompagnato dal movimento virtuoso e deciso della bacchetta, sinfonie in movimento.  “La musica mi dà conforto, mi aiuta a superare i momenti difficili e per questo le sarò per sempre grato. La musica ci rende bambini, ci rinnova”. La già emozionante atmosfera è stata resa ancor più speciale dal compleanno del Maestro che proprio nella giornata del 13 ha compiuto gli anni. Un coro di ‘Tanti auguri” più volte è nato spontaneamente sia in serata ma anche durante la mattinata di prove che si sono svolte di fronte ai tanti astanti.

 

 

 

 

 

“Grazie per avermi voluto bene, ciao a tutti ed a presto!”, le parole di congedo accompagnate da un ennesimo grande sorriso.

Libera Maria Ciociola

Autore:

Giornalista/blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...