L’ottavo peccato della Pizzomunno Cup 41: barche della XXVII Regata del Gargano

 

70585964_2038024302965636_684623194346225664_n
Vincitori dell’edizione 2019

Le barche della Lega Navale Italiana di Trani ‘L’ottavo peccato’ dell’armatore Marco Miucci, e ‘Lave’ dell’armatore Niki Vescia, si sono aggiudicati rispettivamente il trofeo challenge ‘Pizzomunno cup’ e il trofeo challenge ‘Adolfo Frattarolo’ della XXVII regata del Gargano, Manfredonia-Vieste e ritorno. Terza ‘Obelix’ timonata da Giuseppe Chiaravolo del CUS Bari, e quindi nell’ordine tre barche della sezione di Manfredonia della Lega navale italiana: ‘Black coconut’ di Dicorato-Belardinelli-Ricucci, ‘Rats on Fire’ di Teseo Ranucci, ‘Indingo’ di Lorenzo Di Candia; a seguire le altre barche provenienti da località della Puglia e da fuori regione. Complessivamente 41 imbarcazioni che si sono date battaglia sul fantastico tratto di mare che da Manfredonia costeggia il Gargano fino a Vieste.
25 miglia in andata e 25 in ritorno al cospetto di uno scenario unico dominato dallo sperone d’Italia spettacolare nei suoi tratti ora di falesie omeriche, ora di pinete lussureggianti, ora di calette ammiccanti, che si sono parati come quinte intercambiabili illuminarti dal generoso sole settembrino. I regatanti hanno dovuto fare come Ulisse con le sirene e dunque badare a tenere la rotta più redditizia cogliendo le correnti di vento moderatamente presente in due giornate splendide come il Gargano sa regalare in questa appendice di estate. A completare lo spettacolo straordinario, lo sciame di barche tra le quali numerosi catamarani e trimarani, scivolare sul mare verde-blu garganico, sospinte da vele gonfie di vento.
C’è stata battaglia, quella leale come si conviene ai ‘lupi’ di mare, fatta di perizia tattica, di scelta del corridoio della brezza favorevole, ma anche di esperienza e di armonia dell’equipaggio. Tutte condizioni coincidenti al massimo grado sulle imbarcazioni dei meritati vincitori. Ma non meno gloria e apprezzamento hanno raccolto tutte le altre barche anche quella come la ‘Rats on fire’ il cui equipaggio era composto da giovanissimi apprendisti velisti della scuola della Lega navale di Manfredonia, guidati dallo skipper Michelangelo Del Bravo e dal pluricampione del mondo Gigi Masturzo.

70603964_2038024159632317_5427169092391927808_n

La conclusione di una esaltante due giorni di mare, nella terrazza protesa sulla spiaggia di Manfredonia, della sede sportiva della Lega navale di Manfredonia, con la sempre suggestiva, folkloristica ed edificante premiazione dei vincitori, presenti tutti i regatanti, autorità civili e militari, un caloroso pubblico. Sono arrivati anche a proposito i complimenti e gli auguri dell’on. Antonio Tasso e del vice presidente della Regione Puglia, Giandiego Gatta che hanno evidenziato “la validità di una manifestazione che esula dai confini localistici per proporsi come evento di rilievo nel contesto delle grandi manifestazioni veliche non solo nazionali”. “Un volano per l’economia non solo locale – ha chiosato il presidente della LNI di Manfredonia, Luigi Olivieri – nel quale crediamo fermamente: l’impegno è pertanto quello di far crescere e incrementare la rilevanza della regata del Gargano”.

Michele Apollonio

Autore:

Giornalista/blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...